logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Ambienti di lavoro più sani e sicuri: le convenzioni «Ilo»
27305
post-template-default,single,single-post,postid-27305,single-format-standard,bridge-core-3.1.9,qi-blocks-1.3,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.5.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Ambienti di lavoro più sani e sicuri: le convenzioni «Ilo»

Ambienti di lavoro più sani e sicuri: le convenzioni «Ilo»

Ambienti di lavoro più sani e sicuri: le convenzioni «Ilo»

L’impatto globale della globalizzazione sull’economia ha evidenziato negli ultimi decenni diverse criticità, tra cui il fenomeno del dumping commerciale che spesso implica livelli di tutela della salute e sicurezza inferiori rispetto ad altri paesi concorrenti.

Questa situazione, purtroppo, è ben nota e si stima che causi oltre 3 milioni di morti sul lavoro ogni anno.

L’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) ha risposto a questa sfida ampliando i principi e i diritti fondamentali sul lavoro, includendo anche la salute e la sicurezza sul lavoro.

Le convenzioni Ilo riguardanti la salute e la sicurezza stabiliscono principi fondamentali e misure di tutela minime.

Perché queste misure abbiano effetto, devono essere ratificate dai singoli paesi. Anche l’Italia ha finalmente ratificato le due convenzioni internazionali attraverso la legge 8 giugno 2023, n. 84.

È importante sottolineare che queste convenzioni sono spesso incluse negli accordi commerciali e nelle regole di finanziamento internazionale.

Le convenzioni prevedono l’adozione di politiche nazionali di prevenzione, la consultazione con le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, lo sviluppo di programmi nazionali, l’istituzione di meccanismi di controllo e l’incoraggiamento della ricerca nella salute e sicurezza sul lavoro.

Inoltre, riconoscono il principio di autotutela del lavoratore in caso di pericolo imminente e promuovono la cooperazione tra datore di lavoro e lavoratori o loro rappresentanti.

È importante sottolineare che molti dei principi e delle misure previsti da queste convenzioni sono già presenti nel sistema giuridico italiano, soprattutto nella Costituzione e nel Decreto legislativo 81/2008.

Nonostante alcune criticità, l’Italia ha una delle legislazioni più avanzate in Europa.

Tuttavia, è necessario continuare a verificare la legislazione nazionale e ad aggiornarla.

Il Ministero del Lavoro ha avviato un processo di revisione normativa negli ultimi anni attraverso il Decreto legge 146/2021, il Decreto legge 48/2023 (convertito con modifiche dalla legge n. 85/2023) e un dialogo più stretto con le parti sociali, associazioni professionali e consigli delle professioni tecniche regolamentate.