logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Consulente ADR: ci sono esenzioni?
27970
post-template-default,single,single-post,postid-27970,single-format-standard,bridge-core-3.2.0,qi-blocks-1.3.1,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.6.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Consulente ADR: ci sono esenzioni?

Consulente ADR: ci sono esenzioni?

Consulente ADR: ci sono esenzioni?

La figura del Consulente ADR è stata introdotta per supportare le imprese nel garantire la sicurezza nel trasporto di merci pericolose su strada. Per i produttori di calcestruzzo, in particolare, è importante comprendere le normative vigenti e le esenzioni previste per evitare sanzioni.

Cosa dice la legge

Il Decreto 7 agosto 2023 stabilisce le condizioni di esenzione alla nomina del Consulente ADR per le imprese che effettuano attività di:

  • Spedizione
  • Trasporto
  • Imballaggio
  • Carico
  • Riempimento
  • Scarico

di merci pericolose su strada.

Regimi di esenzione

I produttori di calcestruzzo possono beneficiare di tre regimi di esenzione:

1. Per natura del trasporto, limiti quantitativi o disposizioni speciali:

  • Trasporti in quantità limitate (3.4 ADR)
  • Trasporti in quantità esenti (3.5 ADR)
  • Esenzione totale per disposizioni speciali ADR (articolo 3 del Dm 7 agosto 2023)

2. Per trasporti in colli:

  • Massimo 24 operazioni all’anno solare e 3 al mese solare
  • Merci con limite di esenzione parziale per unità di carico 1.1.3.6 ADR (articolo 4 del Dm 7 agosto 2023)

3. Per “spedizioni occasionali”:

  • Merci caricate alla rinfusa o in cisterna
  • Gruppo di imballaggio III o categoria di trasporto 3 o 4
  • Massimo 12 operazioni all’anno solare e 50 tonnellate di limite quantitativo (articolo 5 del Dm 7 agosto 2023)

Registro di monitoraggio

Per le esenzioni di cui ai punti 2 e 3, è obbligatorio predisporre un registro interno di monitoraggio che annoti:

  • Data di esecuzione
  • Tipo di confezionamento
  • Quantitativo netto di merce
  • Tipo di esenzione applicata

Il registro va conservato per 5 anni e reso disponibile ai controlli.

Circolare MIT 13921 del 14 maggio 2024

La circolare chiarisce:

  • Il registro può essere integrato con altri strumenti aziendali
  • Deve essere aggiornato tempestivamente
  • Le informazioni devono essere facilmente consultabili
  • Deve permettere di risalire al numero di operazioni eseguite

Normativa applicabile

  • Circolare Ministeriale n. 13921 del 14 maggio 2024
  • Decreto 7 agosto 2023 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
  • ADR 2023
  • Decreto Legislativo 4 febbraio 2000 n. 40
  • Decreto 4 luglio 2000
  • Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 35
  • Direttiva quadro 2008/68/CE