logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
RenTRi: Timeline di iscrizione per i produttori di rifiuti
27235
post-template-default,single,single-post,postid-27235,single-format-standard,bridge-core-3.1.1,qi-blocks-1.2.5,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.6.7,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.3,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

RenTRi: Timeline di iscrizione per i produttori di rifiuti

RenTRi: Timeline di iscrizione per i produttori di rifiuti

RenTRi: Timeline di iscrizione per i produttori di rifiuti.

Il 4 aprile 2023 è stato emanato il decreto numero 59, che ha introdotto il sistema informatico RenTRi come nuovo strumento di tracciabilità dei rifiuti.

Il decreto entrerà in vigore il 15 giugno 2023 e si compone di 24 articoli e tre allegati.

In particolare, il titolo II del decreto contiene disposizioni generali e tecniche sull’utilizzo dei nuovi modelli di registro cronologico di carico e scarico e del formulario di identificazione del rifiuto.

Tali modelli possono essere consultati rispettivamente nell’allegato I e II del decreto.

Le differenze tra i modelli attuali e quelli nuovi per la gestione dei rifiuti verranno approfondite ulteriormente.

A partire dal 15 giugno 2023, l’iscrizione al RenTRi sarà possibile secondo le seguenti tempistiche dal:

  • 13 febbraio 2025, per enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi con più di cinquanta dipendenti, nonché per tutti gli altri soggetti diversi dai produttori iniziali, inclusi i soggetti di cui all’articolo 18;
  • 14 agosto 2025, per enti o imprese produttori di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi con più di dieci dipendenti;
  • 13 febbraio 2026, per tutti gli altri produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi obbligati ai sensi dell’articolo 12, comma 1.

Con l’introduzione di questo decreto, vengono abrogati:

  • DM 1° aprile 1998, numero 145 e 148