logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Lavoro occasionale: Valutazione dei rischi e Dvr
27330
post-template-default,single,single-post,postid-27330,single-format-standard,bridge-core-3.1.9,qi-blocks-1.3,qodef-gutenberg--touch,qodef-qi--touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.5.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Lavoro occasionale: Valutazione dei rischi e Dvr

Lavoro occasionale: Valutazione dei rischi e Dvr

Lavoro occasionale: Valutazione dei rischi e Dvr.

Secondo quanto indicato dall’Ispettorato nazionale del lavoro nella circolare 5/2017, il committente, qualora abbia la qualifica di imprenditore o professionista, è soggetto agli obblighi previsti dal decreto legislativo 81/2008 nei confronti delle persone impiegate mediante contratto di prestazione occasionale, proprio come avviene per chi assume lavoratori subordinati.

Gli adempimenti richiesti al committente variano a seconda del tipo di attività lavorativa, delle dimensioni e dell’organizzazione aziendale e della sede di lavoro.

Tuttavia, per tutti è obbligatoria la valutazione dei rischi e la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Con la nota recente 5056/2023, l’Ispettorato nazionale del lavoro ha ricordato che in questi giorni, durante i quali le ondate di calore aumentano il rischio di infortuni, anche il committente delle prestazioni occasionali deve effettuare una mappatura dei rischi, con particolare attenzione a quelli correlati alle alte temperature.

È necessario individuare e adottare misure adeguate di prevenzione e protezione.

Inoltre, il committente dovrà nominare alcune figure chiave per la gestione della sicurezza, come il medico competente, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), e gli addetti al primo soccorso e all’antincendio. È fondamentale anche fornire formazione, informazione e addestramento, oltre a fornire i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) specifici in base alle mansioni svolte.

L’inosservanza di questi obblighi comporta l’applicazione delle sanzioni previste dal Dlgs 81/2008 e, in caso di gravi violazioni in materia di sicurezza elencate nell’allegato I al Dlgs, può portare alla sospensione dell’attività lavorativa, ai sensi dell’articolo 14.

Da sottolineare che la legge 197/2022 ha riformulato le prestazioni occasionali nel settore agricolo per garantire la continuità produttiva delle imprese agricole e agevolare il reperimento di manodopera per le attività stagionali.

Secondo l’articolo 1, comma 343, i lavoratori in questo settore godono delle tutele previste dal rapporto di lavoro subordinato, comprese quelle riguardanti la salute e la sicurezza, come la valutazione dei rischi, compresi i rischi legati al calore, e le misure di prevenzione.

Questo è particolarmente importante considerando l’elevato rischio da stress termico, soprattutto nelle condizioni e nei luoghi in cui vengono svolte le prestazioni agricole.