logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Esposizione all'Amianto: la direttiva europea
27443
post-template-default,single,single-post,postid-27443,single-format-standard,bridge-core-3.1.9,qi-blocks-1.3,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.5.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Esposizione all’Amianto: la direttiva europea

Esposizione all’Amianto: la direttiva europea

Esposizione all’Amianto: la direttiva europea

Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno emanato la direttiva 2023/2668 per rafforzare la protezione dei lavoratori contro i rischi connessi all’esposizione all’amianto durante il lavoro.

La direttiva entrerà in vigore il 20 dicembre 2023 e stabilisce che, fino al 20 dicembre 2029, i datori di lavoro devono garantire che nessun lavoratore sia esposto a una concentrazione di amianto in sospensione nell’aria superiore a 0,01 fibre per centimetro cubo.

Questa concentrazione viene misurata in rapporto a una media ponderata nel tempo (TWA) di 8 ore.

Entro il 21 dicembre 2029, i datori di lavoro devono inoltre garantire che i lavoratori non siano esposti a una concentrazione di amianto in sospensione nell’aria superiore a:

  • 0,01 fibre per centimetro cubo, misurata in rapporto a una TWA di 8 ore; oppure
  • 0,002 fibre per centimetro cubo, misurata in rapporto a una TWA di 8 ore.

Se la concentrazione di amianto nell’aria supera i valori stabiliti, i lavoratori devono interrompere immediatamente le loro attività.

Il lavoro può riprendere solo dopo che siano state prese misure adeguate per ridurre l’esposizione.

Questa direttiva è un importante passo avanti per la tutela della salute dei lavoratori.

L’amianto è una sostanza cancerogena e l’esposizione a concentrazioni elevate può portare a gravi problemi di salute, tra cui il mesotelioma, un tumore della pleura.

I nuovi limiti di esposizione stabiliti dalla direttiva 2023/2668 contribuiranno a ridurre il rischio di esposizione dei lavoratori all’amianto e a proteggere la loro salute.

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sui requisiti della direttiva:

  • I datori di lavoro sono responsabili di valutare i rischi di esposizione all’amianto nei loro luoghi di lavoro.
  • I datori di lavoro devono adottare misure preventive per ridurre l’esposizione all’amianto.
  • Alcuni esempi preventivi: l’uso di attrezzature di protezione individuale e la ventilazione dei luoghi di lavoro.
  • I datori di lavoro devono fornire ai lavoratori formazione e informazioni sui rischi dell’amianto.

La direttiva 2023/2668 si applica a tutti i lavoratori dell’Unione europea, indipendentemente dal settore in cui operano.