logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Decreto 18 maggio 2023: manovre di rianimazione e Dae
27244
post-template-default,single,single-post,postid-27244,single-format-standard,bridge-core-3.1.5,qi-blocks-1.2.6,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.6.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.4.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.5,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Decreto 18 maggio 2023: manovre di rianimazione e Dae

Decreto 18 maggio 2023: manovre di rianimazione e Dae

Decreto 18 maggio 2023: manovre di rianimazione e Dae.

Il 13 giugno 2023 è stato pubblicato un decreto in Gazzetta Ufficiale che stabilisce le istruzioni da seguire per eseguire la rianimazione cardiopolmonare di base e l’uso del defibrillatore automatico esterno (DAE) in attesa dei soccorsi.

Di seguito sono riportate le istruzioni indicate dal decreto:

Quando viene effettuata una chiamata al centralino del sistema di emergenza sanitaria “118”, l’operatore deve valutare le seguenti condizioni a distanza:

Valutazione dello stato di coscienza

Per valutare lo stato di coscienza, l’operatore deve dare le seguenti istruzioni:

Metti il telefono in viva voce.

Mentre stai scuotendo le spalle, chiamalo ad alta voce.

Risponde?

  • Esito della valutazione: se risponde → il soggetto è cosciente.
  • Esito della valutazione: se non risponde → il soggetto è incosciente.

Valutazione dell’attività respiratoria

Successivamente, si procede alla valutazione dell’attività respiratoria. L’operatore deve dare le seguenti istruzioni:

Guarda il torace. Si alza e si abbassa? Ti sembra che stia respirando? Se viene riferito che il soggetto “sta respirando”, l’operatore deve chiedere: “Ti sembra che stia respirando normalmente?”

Nel caso in cui l’esito della valutazione sia “non risponde e non respira/non respira normalmente” → il soggetto è in arresto cardiaco. In questo caso, passare al punto 3.

Istruzioni per la rianimazione cardiopolmonare

L’operatore deve consigliare di iniziare la Rianimazione Cardio Polmonare (RCP) con sole compressioni toraciche, dando le seguenti istruzioni in attesa dei soccorsi avanzati:

Distendere il soggetto sul pavimento con la testa indietro.

Se si è soli, chiedere aiuto a qualcuno (anche a passanti o vicini di casa, se possibile) e, se il soggetto è in arresto cardiaco, chiedere a chi aiuta di andare a prendere il DAE più vicino.

Mettere le mani una sull’altra al centro del torace.

Iniziare a comprimere verso il basso, rilasciando il torace dopo ogni compressione. Premere forte e velocemente (l’operatore deve indicare la cadenza).

Non interrompere le compressioni fino all’arrivo dei soccorsi. Ogni due minuti (se non si è soli) farsi sostituire.

Uso del defibrillatore semiautomatico o automatico (DAE)

All’arrivo del DAE, l’operatore del centralino del sistema di emergenza sanitaria “118” deve dare le seguenti istruzioni alla persona che ha portato il DAE:

Aprire o accendere il DAE.

Collegare le piastre agli elettrodi, se non sono già collegate, e posizionarle sul torace del soggetto in arresto cardiaco come indicato nel disegno sulle piastre, assicurandosi che aderiscano bene alla pelle.

Seguire attentamente le istruzioni del DAE, allontanando le persone presenti dal soggetto in arresto cardiaco.

Dopo aver iniziato la rianimazione cardiaca, ricordarsi di farsi sostituire ogni due minuti per effettuare la manovra di RCP:

Mettere le mani una sull’altra al centro del torace.

Iniziare a comprimere verso il basso, rilasciando il torace dopo ogni compressione.

Premere forte e velocemente (l’operatore deve indicare la cadenza).

Non interrompere le compressioni fino all’arrivo dei soccorsi.

Ogni due minuti farsi sostituire.