logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
AIA: Prodotto finito, trattamento e trasformazione
27246
post-template-default,single,single-post,postid-27246,single-format-standard,bridge-core-3.1.9,qi-blocks-1.3,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.5.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

AIA: Prodotto finito, trattamento e trasformazione

AIA: Prodotto finito, trattamento e trasformazione

AIA: Prodotto finito, trattamento e trasformazione

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha risposto ai quesiti di Confindustria riguardanti la definizione di prodotto finito, trattamento e trasformazione.

Nel quesito 1, si chiede di confermare se la definizione di prodotto finito nell’allegato VIII del Decreto legislativo 152/2006 si riferisce esclusivamente al prodotto destinato al consumatore finale, escludendo i prodotti intermedi destinati a successive lavorazioni.

Si specifica che la definizione di prodotto finito include tutti i prodotti identificati nella specifica categoria di attività dell’allegato anche se destinati a ulteriori lavorazioni e non solo per l’uso diretto da parte del consumatore finale.

Nel quesito 2, si richiede di confermare le definizioni di trattamento e trasformazione e se includono i processi di lavorazione fisica o meccanica che apportano modifiche e alterazioni al prodotto.

La risposta conferma parzialmente l’interpretazione proposta da Confindustria, affermando che i processi che apportano reali modifiche e alterazioni al prodotto rientrano nella definizione di trattamento e trasformazione.

Inoltre, si specifica che le attività di imballaggio e di stoccaggio per maturazione, classificazione e raggruppamento del prodotto per categorie qualitative o dimensionali non rientrano nella definizione di trattamento e trasformazione.

Infine, se la quantità di materia soggetta a processi di trattamento e trasformazione, che alterano o modificano il prodotto, è inferiore a 300 tonnellate al giorno di prodotto finito, non è necessaria l’assoggettabilità all’AIA.

Decreto:  Decreto legislativo 152/2006

Allegato: VIII