logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
L'ECHA: Avvia la Proposta di Restrizione sul Cromo (VI).
27412
post-template-default,single,single-post,postid-27412,single-format-standard,bridge-core-3.2.0,qi-blocks-1.3.1,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.6.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

L’ECHA: Avvia la Proposta di Restrizione sul Cromo (VI).

L’ECHA: Avvia la Proposta di Restrizione sul Cromo (VI).

L’ECHA: Avvia la Proposta di Restrizione sul Cromo (VI).

Il 11 ottobre 2023, la Commissione Europea ha conferito all’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) l’incarico di elaborare una proposta di restrizione per le sostanze contenenti cromo (VI). Questa proposta deve essere presentata entro il 4 ottobre 2024.

L’obiettivo principale di questa proposta di restrizione è quello di affrontare il crescente carico di lavoro derivante dalla crescente richiesta di autorizzazioni per l’uso di sostanze a base di cromo (VI) da parte di numerose aziende.

Il processo di valutazione della proposta di restrizione sarà svolto dai comitati RAC (Comitato per la valutazione dei rischi) e SEAC (Comitato per i problemi socio-economici e la valutazione dei costi) secondo la procedura standard stabilita dal regolamento REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals).

Nel frattempo, l’ECHA sarà responsabile di raccogliere tutte le conoscenze acquisite durante le valutazioni delle domande di autorizzazione relative a queste sostanze.

Nel caso in cui la Commissione decida di adottare le restrizioni proposte, le sostanze a base di cromo (VI) interessate saranno rimosse dall’elenco delle autorizzazioni. Questo significa che le aziende non potranno più utilizzare tali sostanze senza un’autorizzazione specifica.

Inoltre, la Commissione ha reso pubblico un documento di domande e risposte che mira a fornire chiarimenti alle aziende interessate. Questo documento affronta anche le questioni legate a una sentenza della Corte di giustizia europea che ha comportato la revoca dell’autorizzazione a un consorzio che utilizzava il triossido di cromo.

La pubblicazione di questo documento mira a dissipare qualsiasi incertezza e a fornire informazioni dettagliate sulle implicazioni delle restrizioni proposte.