logo

Iscriviti alla Newsletter
Ultimi Articoli
Incentivi per imballaggi ecosostenibili: DL 02 aprile 24
27773
post-template-default,single,single-post,postid-27773,single-format-standard,bridge-core-3.1.9,qi-blocks-1.3,qodef-gutenberg--no-touch,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.5.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-20362

Incentivi per imballaggi ecosostenibili: DL 02 aprile 24

Incentivi per imballaggi ecosostenibili: DL 02 aprile 24

Incentivi per imballaggi ecosostenibili: DL 02 aprile 24

Un passo avanti per la sostenibilità ambientale

Un importante passo avanti verso la promozione della sostenibilità ambientale in Italia è stato compiuto con il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica del 2 aprile 2024. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21 maggio 2024, il decreto introduce un credito d’imposta per le imprese che utilizzano prodotti e imballaggi ecosostenibili.

Obiettivi e beneficiari

L’obiettivo principale del decreto è quello di incentivare l’utilizzo di materiali riciclati e biodegradabili per gli imballaggi, riducendo l’impatto ambientale e i rifiuti non riciclabili.

Questo si allinea con gli obiettivi europei e nazionali di promuovere il riciclo e l’economia circolare.

Possono beneficiare del credito d’imposta tutte le imprese che operano in Italia e che soddisfano specifici requisiti, tra cui l’essere regolarmente iscritte al registro delle imprese e l’aver acquistato prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata o biodegradabili e compostabili.

Spese ammissibili e credito d’imposta

Le spese ammissibili al credito d’imposta riguardano l’acquisto, avvenuto negli anni 2023 e 2024, di:

  • Prodotti realizzati con materiali da raccolta differenziata di imballaggi in plastica
  • Imballaggi biodegradabili e compostabili (es. carta e cartone non trattati chimicamente, legno non impregnato)
  • Imballaggi derivati ​​da raccolta differenziata di carta, alluminio e vetro

Il credito d’imposta riconosciuto è pari al 36% delle spese sostenute e documentate, con un massimo annuale di 20.000 euro per ciascun beneficiario e un limite complessivo di 5 milioni di euro per gli anni 2024 e 2025.

Il credito non concorre alla formazione del reddito imponibile ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite modello F24.

Procedura di accesso e controlli

Le imprese interessate devono presentare una domanda telematica al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica entro 60 giorni dall’attivazione della procedura informatica.

La domanda deve includere diverse informazioni, tra cui i dati identificativi del richiedente, l’ammontare delle spese sostenute e la documentazione relativa, e dichiarazioni sostitutive.

Il Ministero effettuerà controlli a campione per verificare la veridicità delle dichiarazioni e la legittimità del credito d’imposta. In caso di irregolarità, l’agevolazione sarà revocata e il credito d’imposta recuperato.

Requisiti tecnici e certificazioni

L’Allegato 1 del decreto definisce i requisiti tecnici e le certificazioni necessarie per i prodotti e gli imballaggi per poter accedere al credito d’imposta. Tra i requisiti principali:

  • Conformità alla normativa UNI EN 13432:2002 per la biodegradabilità e compostabilità
  • Provenienza da materiali riciclati
  • Assenza di sostanze chimiche non conformi

Per essere ammissibili, i prodotti e gli imballaggi devono inoltre possedere specifiche certificazioni, tra cui la certificazione di conformità alla UNI EN 13432:2002 e certificazioni ambientali riconosciute.

Documentazione e compilazione della domanda

L’Allegato 2 fornisce una guida completa per la compilazione della domanda di accesso al credito d’imposta, elencando dettagliatamente le informazioni e i documenti richiesti.

Un’opportunità per le imprese e per l’ambiente

Il Decreto 2 aprile 2024 rappresenta un’importante opportunità per le imprese italiane di ridurre il proprio impatto ambientale e di beneficiare di incentivi economici concreti. L’adozione di prodotti e imballaggi ecosostenibili non solo contribuirà alla tutela dell’ambiente, ma migliorerà anche l’immagine e la reputazione delle aziende verso i consumatori sempre più attenti a questi temi.